Serravalle e dintorni...

- SCOPERTO E DENUNCIATO IL PROPRIETARIO -
BERRA, I CARABINIERI TROVANO NELLA SUA ABITAZIONE UN ALLEVAMENTO DI PITBULL
 


Uno dei pitbull
Berra. E’ stato identificato e denunciato dai carabinieri il proprietario dei due pitbull che lo scorso 10 febbraio hanno sbranato una cavalla a Berra, in un piccolo maneggio di un privato del luogo. Dovrà rispondere di omessa custodia di animali, oltre che della mancanza delle autorizzazioni per l’allevamento dei cani, dato che i militari intervenuti hanno accertato che l’uomo aveva realizzato un vero e proprio allevamento abusivo i cani pitbull.

Le indagini dei carabinieri sono partite subito dopo l’episodio che ha provocato orrore e allarme fra la popolazione del paese, riuscendo alla fine a identificare in maniera certa il proprietario dei due pitbull, un uomo della zona che deteneva nella sua abitazione, in appositi recinti, una decina di pitbull, piccoli e adulti, senza alcuna autorizzazione. A lui i carabinieri sono arrivati anche senza attendere l’eventuale lettura dei microchip dei due pitbull catturati e ora ospitati nel canile di Ferrara (al momento non è ancora certo che ne fossero provvisti), attraverso le testimonianze dei cittadini di Berra e in seguito ai controlli compiuti questa mattina nell’allevamento.

A quanto pare i due pitbull erano scappati accidentalmente dal recinto e hanno vagato per ore prima di introdursi nel piccolo maneggio nella zona periferica di Berra, dove fra i tre cavalli presenti hanno preso di mira una vecchia cavalla con problemi di salute. Il proprietario della cavalla, recandosi nella prima mattina ad accudirlo, si era accorto della morte dell’animale e della presenza, nelle vicinanze, dei due cani pitbull. L’immediato intervento dei militari e del personale dei vigili urbani dell’Unione dei Comuni ha poi consentito la cattura dei due cani. La cavalla, come da riscontri del veterinario, risultava essere deceduta per dissanguamento a causa di gravi lesioni traumatiche.

La denuncia dei carabinieri è stata fatta all’autorità amministrativa e ora spetterà al Comune assumere i provvedimenti del caso, dalla sanzione amministrativa fino alla sospensione dell’attività irregolare. L’omessa custodia di animali, infatti, non rientra più fra i reati essendo stata depenalizzato. Sui sospetti che i cani dell’allevamento abusivo siano utilizzati per combattimenti, come segnalato dal sindaco di Berra Zaghini in una lettera alla procura, i carabinieri stanno comunque svolgendo ulteriori e più complesse indagini.

estense.com


14.2.15                  Contatore visite