Serravalle e dintorni...

SERRAVALLE: RADUNO DI AUTO ALFA ROMEO IN PIAZZA MAZZINI
- 11 MARZO 2012 -


La sede del Club Alfa Romeo di Serravalle

La gente discute della manifestazione

Una parte delle auto esposte

La reginetta della piazza

Da sinistra, Faralli, Ippolito, Zaghini, Massolo e Barbieri davanti ad un'alfetta dei CC

Una macchina d'epoca

Serravalle. Forse non tutti sanno che Serravalle ospita un Club Alfa Romeo, il "Registro Alfa 90". Il club si trova presso il centro civico di Serravalle da dove coordina le sue varie iniziative.

L'ultima in ordine di tempo è il raduno delle Alfa Romeo organizzato domenica 11 marzo 2012 in piazza Mazzini a Serravalle. Purtroppo poco pubblicizzato ha, nonostante ciò, attirato molta gente attratta dalla innegabile classe delle auto esposte.

La manifestazione è senz'altro riuscita ma ha forse pagato la scarsa propaganda dedicata al raduno.
 

Domenica mattina, nella suggestiva cornice di una piazza Mazzini inondata di sole, si è svolto un raduno di Alfisti, a coronare l'inaugurazione della nuova sede operativa del Registro Alfa 90 e 75, diretto da Domenico Ippolito nella sede della delegazione del comune di Berra, alla presenza delle autorità locali, a partire dal Sindaco Zaghini e dall'assessore alle attività produttive Filippo Barbieri.

La funzione del registro è quella, ovviamente, di garantire Le auto storiche. Erano presenti una quarantina di auto Alfa Romeo di vario tipo (fra cui spiccavano una bella Giulietta ed una ex auto dei Carabineri in livrea con autorizzazione) per una settantina di partecipanti. L'iniziativa era prevista tempo fa ma è stata rinviata a causa della tragica scomparsa di un socio del Registro in un terribile incidente stradale.

Nell'occasione è stato votato il nuovo direttivo dell'associazione, ed è stato anche possibile avviare e presentare qualche discorso di grande interesse, come la possibilità di creare un Museo per quelli che sono stati definiti “Mezzi di pace”, per il loro intervento a difesa dei cittadini (dai mezzi di soccorso a quelli dell'Arma dei Carabinieri, quelli che arrivano nel momento del bisogno), caratterizzati dal lampeggiatore blu, magari anche diffuso sul territorio e non confinati in una sola località come per altri casi si pensa di operare, come ha ricordato uno degli ospiti illustri, Mino Faralli, presidente del RIAL Blu S. , affiliato ASI, ovvero il registro italiano degli amici dei lampeggiatori blu storici, che si propone di salvare le auto di servizio d'epoca in livrea.

Importante anche la proposta del consigliere nazionale del Registro Italiano Alfa Romeo, Giancarlo Massolo, che ha proposto la nascita di un museo di questo tipo proprio a Berra, considerandola un' interessante attività economica e punto di richiamo.

Cronaca a cura del Comune di Berra


11.3.12