Serravalle e dintorni...

 

SERRAVALLE - CATTURATO UNO STORIONE ALLA PORTA DEL DELTA
- 11 aprile 2011 -

 


Lo storione immesso in una vasca di contenimento


La misurazione del pesce

Il taglio della porzione di pinna

Il taglio della porzione di pinna

Il taglio della porzione di pinna

Un tecnico immette il campione nel contenitore "sterile"

I tecnici al lavoro

Il rilascio finale nel Po
Serravalle. Eccezionale avvenimento oggi, 11 aprile 2011, nei pressi del complesso turistico La Porta del Delta è stato catturato uno storione di circa sette chilogrammi e lungo poco più di un metro. Il pesce, un "naccari" (Acipenser Naccarii) fa parte di una specie endemica dei fiumi del Nord Italia. E' ormai l'unica specie rimaste delle tre che fino a un ventina di anni fa popolavano il grande fiume. La cattura di uno storione è piuttosto rara e, pare, che l'ultimo sia stato catturato nel 2006...
A dire il vero sono stati immessi nel Po parecchi storioni attrezzati con un chip di riconoscimento. Ma questo catturato oggi ne era privo, segno evidente che è nato e si è sviluppato in modo naturale e quindi non è stato immesso "artificialmente".
La specie si ritrova soltanto nel Mar Adriatico e non esistono segnalazioni autorevoli da altri mari. Per la riproduzione risale soprattutto il fiume Po ed alcuni suoi affluenti (tra cui Ticino e Adda) ma anche Adige, Brenta, Piave, Tagliamento, Livenza ed altri tributari dell'Adriatico, anche appenninici. Sul lato orientale del Mar Adriatico risale sicuramente i fiumi Cetina e Narenta ma la sua distribuzione non è nota con certezza. Pare accertata la sua presenza nel Lago di Scutari tra Albania e Montenegro.

Il pesce in discorso è stato catturato nei pressi dell'isola di sabbia che si trova a un centinaio di metri dal pontile della Porta del Delta, da un pescatore di Ferrara che ha provveduto a trasportarlo sul pontile. Dopo di che sono stati avvisati i tecnici dell'Università di Ferrara che si sono precipitati a constatare dimensioni, peso, età presunta ed eventuale presenza del chip di riconoscimento. Dopo aver effettuato tutte le verifiche è stata tagliata una minuscola porzione della lunga penna caudale per poterne ricavare il DNA.
Al termine lo storione è stato rilasciato, come è giusto, nelle acque del Po e quindi a casa sua.


25/11/2016