Serravalle e dintorni...


BERRA, DOVE PASSA OPEN FIBER NULLA RIMANE PIU' COME PRIMA...
- INNUMEREVOLI LE PROTESTE PER I DANNI CAUSATI DA QUESTA DITTA -

 

 
Berra. Se la posa della fibra ottica può rappresentare una opportunità di sviluppo per l'intero territorio dall'altra parte è certo che nell'ex territorio comunale di Berra questo passaggio sta creando numerevoli problemi.

Non passa giorno che l'ufficio tecnico non ricevi un reclamo, una protesta, una segnalazione di guasto, piuttosto che una richiesta di intervento urgente per guasto alla linea della pubblica illuminazione. Ed allora è lo stesso ufficio tecnico che prende carta e penna e decide di scrivere alla ditta, titolare dri lavori. Non è la prima volta che l'amministrazione comunale si raffronta con la ditta.

"In ralezione all'oggetto - dice la lettera - si elencano quelle situazioni aggiornate al 14/08/2019, che necessitano di ripresa e/o messa in sicurezza:

  Loc. Serravalle:


Via Grandi: Civ. 98/a, 88, 82, 74, 58, 48, 42 (sfondamento o buche a ridosso dei pozzetti da ricaricare con asfalto a  freddo o stabilizzato);
Via Pivanti: Civ. 70, 31, int. Via Capatti (sfondamento   o buche a ridosso dei pozzetti da ricaricare con asfalto a  freddo o stabilizzato);
Via Mongini: Civ. 69, 39, 35, 21 (sfondamento o buche a ridosso dei pozzetti da ricaricare con asfalto a freddo o stabilizzato);
Via Bonamico: Civ. 1, 14, 48, 68 (sfondamento o buche a ridosso dei pozzetti da ricaricare con asfalto a freddo o stabilizzato);
Via Pedagna: rampa accesso civ. 55 (ricarica con asfalto a freddo o stabilizzato), 35 (sfondamento o buche a ridosso dei pozzetti da ricaricare con asfalto a freddo o stabilizzato);
Via Berlinguer: Civ. 15, 25 (sfondamento o buche a ridosso dei pozzetti da ricaricare con asfalto a freddo o stabilizzato);
Via Matteotti: Civ. 6 (sfondamento o buche a ridosso dei pozzetti da ricaricare con asfalto a freddo o stabilizzato);
Via Papa Giovanni XXIII: Civ. 9, 13 (sfondamento o buche a ridosso dei pozzetti da ricaricare con asfalto a freddo o stabilizzato).

 Loc. Berra:


Via Postale: Civ. 61, 57 bis (scavo pozzetti con ricarica stabilizzato da asfaltare);
Via Piave int. Via Veneto: (sfondamento o buche a ridosso dei pozzetti da ricaricare con asfalto a freddo o stabilizzato);
Via Martiri della  Libertà int. Via Nenni: sul  marciapiede (scavo pozzetti con  ricarica stabilizzato da asfaltare);
Via Bellaria: Civ. 215 (attraversamento stradale ripreso con cls presenta buche pericolose necessita di ricarica), 192/A (rotolo di corrugato abbandonato);
Via Puccini: (sfondamento o buche a ridosso dei pozzetti da ricaricare con asfalto a freddo o stabilizzato);
Via Viara: (alcuni  coperchi rotti dei pozzetti della I.P. da sostituire già segnalatonella nota del 17/06/201);
Via Albersano:   Civ. 36 (scavo longitudinale sfondato in prossimità del passo carraio già segnalato nella nota del 17/06/2019);
Via Pampano Brusantina: Civ. 387 (sfondamento o buche a ridosso dei pozzetti da ricaricare con asfalto a freddo o stabilizzato già segnalato nella nota del 17/06/2019);
Via Vittorio veneto e Via Montessori (tratto asilo nido e Via Postale): (alcuni coperchi rotti dei pozzetti della I.P. da sostituire già segnalato nella nota del 17/06/2019).

Inoltre si ribadisce la preoccupante situazione cui versa l'I.P. di Via Grandi Loc. Serravalle. Tale impianto da quando è stato soggetto all'intervento delle Vs. ditte incaricate, non è più funzionato a dovere con continue interruzione dell'energia elettrica e corti circuiti in conseguenza delle operazioni di innesto della fibra nei cavidotti esistenti.

I ns. operai intervengono ormai periodicamente per ripristinare la linea, con enorme dispendio di tempo, in quanto dalla ricerca del guasto al ripristino dello stesso trascorrono anche alcuni giorni, ma la cosa preoccupante è che i guasti sono diventati più frequenti senza nessun motivo apparente, denotando che la linea è irrimediabilmente danneggiata.

Tale situazione è da affrontare al più presto possibile, cercando di trovare una soluzione definitiva che possa essere soddisfacente ad entrambe le parti.

Per quanto riguardano gli interventi di ripristino definitivi, che all'incontro del 12/06/2017 sembrava dovessero iniziare entro fine Luglio, si chiede che venga comunicata una data certa.

Si rimane a disposizione per un ulteriore incontro anche alla presenza dell'Ass. Barbieri, al fine di definire tempistiche e modalità di intervento".

Una situazione di disagio rimarcata anche dall'assessore ai lavori pubblici Filippo Barbieri. "Non possiamo che unirci ai cittadini per questa protesta. È diventata una cosa insostenibile ed insopportabile che va quanto prima risolta e risanata. I tempi stanno slittando oltremodo e i danni causati stanno procurando innumerevoli problemi. Come amministrazione ci adoperiamo affinché tutto questo finisca quanto prima. Speriamo in un incontro risolutore con la ditta al più presto".

(d.m.b.)


21.8.19