Serravalle e dintorni...


RIVA DEL PO, DANIELA SIMONI ("GENTE DI RIVA DEL PO") DELUSA PER I TAGLI AI CONTRIBUTI STATALI: LA FUSIONE E' GIUSTA MA NATA PER I MOTIVI SBAGLIATI


 

Riva del Po. Nella discussione aperta al taglio dei contributi alla fusione ce anche chi dice, a denti stretti e sorridendo, "ve lo avevo detto" ma voi non mi avete ascoltato. La consigliera di opposizione del gruppo "Gente di Riva del Po" Daniela Simoni analizza la situazione.

"La disperazione degli attuali amministratori spiega oltre ogni ragionevole dubbio l'unico motivo alla base di queste ultime fusioni. Si dovrebbe decidere di costituire una nuova identità pubblica per contenere le spese dell'apparato amministrativo e della politica; per diventare numericamente competitivi ed appetibili; per proporre progetti degni di essere finanziati a livello regionale e soprattutto europeo; per implementare offerte opportunità servizi.

Invece ci si fonde con l'unico miraggio del contributo pubblico, tipo manna che scende dal cielo; si mantengono le sedi originarie; si tengono i dipendenti di qua e di la; nessuna condivisione e progettualita' amministrative".

La decisione è del Popolo Sovrano, che però, secondo la consigliera, è ignaro. "Io però non imputo questo fallimento alla politica, genericamente intesa, ma al popolo che continua ad essere complice ignaro e inconsapevole". Evidentemente chi deve convincere il popolo complice, ignaro e inconsapevole non lo sa fare.

La consigliera analizza l'attuale situazione politica locale, frutto delle elezioni svolte da poco. "La minoranza ha sempre voluto partecipare ma a Ro la porta del Municipio fu chiusa o meglio direi subito sbattuta in faccia all'opposizione. Come è poi andata a finire è ormai di dominio pubblico (servisse a qualcosa).

Ai giorni nostri invece pare prospettarsi un'apertura da parte del nuovo governo. Se è vero che dai propri errori si può e si deve imparare voglio credere che stavolta andrà diversamente. Per il bene di tutti noi. Massima collaborazione ma massima trasparenza  visibilità e integrità..da ora in poi".

Anche con i contributi dimezzati.

(dacia.ma.)


2.7.19