Serravalle e dintorni...


SERRAVALLE, INCONTRO CON ESPERTI E GENTE COMUNE SU CYBERBULLISMO PRIVACY E TUTELA DEI DATI IN RETE
- VENERDI' 10 MAGGIO 2019 -
 


 

 
Serravalle. Venerdì sera 10 maggio alle ore 20,45 nella sala riunioni del centro civico di Serravalle in piazza Mazzini, organizzato dalla Pro Loco in collaborazione con l’associazione “Soprusi stop”, si è svolta la serata informativa dedicata a cyberbullismo e privacy, tutela dei dati in rete.

Dopo la presentazione dei relatori e della serata effettuata dal presidente dell'associazione "Soprusi stop” Roberto Vitali, davanti ad un pubblico composto da giovani e meno giovani, ha parlato Alessandro Canella, vicepresidente dell’associazione, consulente informatico del Tribunale di Rovigo,ha parlato di truffe via internet. Molte le insidie che si possono incontrare, a volte quasi impossibili da evitare.

Fare molta attenzione negli acquisti, soprattutto se i prezzi destano pensieri, come ad esempio in presenza di prezzi inferiori oltre la metà dei costi ordinari. Poi i furti di identità. "Pesare a chi date i dati per gli acquisti: i siti affidabili si conoscono, sono individuabili, li conosciamo - ha detto Canella - fare molta attenzioni agli altri siti".

Poi alcuni consigli tra il quale "Cambiare spesso le password, con codici difficili, e mai comunicarli: una banalità che spesso si trascura".

A seguire Tania Masiello, segretaria dell’associazione, esperta di comunicazione, coordinamento di progetti umanitari e volontariato. È redattrice e coautrice del libro: “Via le mani dai bambini”. "Incontrando centinaia di bambini ogni settimana - ha detto Masiello - ci rendiamo conto come molti genitori non sono presi dalla vita dei loro figli. I nostri figli trascorrono molto tempo collegati ad internet e quindi occorre un controllo costante e diretto".

"Il fatto che i nostri figli giocano in camera chiusa, da soli, si è propensi a pensare che sono al sicuro ma ciò non è vero. In quel momento sono collegati con il mondo intero".

E poi ha parlato di Ciberbullismo, argomento ostico, difficile, complesso. "Il bullismo via rete provoca danni a volte irreparabili" ha replicato Masiello. E poi ha "dettato" alcuni consigli utili per evitare il ciberbullismo. Acceso dibattito, visto anche la presenza di molti genitori con figli in età a "rischio". Una discussione, una interazione, tra pubblico e relatori, viva ed accesa e con un unico finale unitario: l'educazione "sana" del proprio figlio.

"Mancano spesso la trasmissione di ideali, del buon vivere" è stato ancora una dei pensieri condivisi, con il quale si può sconfiggere tutto ciò che di negativo viaggia in rete. Ultimo ma non ultimo la difficoltà da parte dei genitori di tenersi aggiornati, di seguire la tecnologia informatica. "Non deve passare il messaggio che i nostri ragazzi non devono usare internet - ha concluso il presidente Vitali - internet è un mondo bellissimo e interessante, bisogna solamente usarlo bene".

(d.m.b.)



ALCUNI DATI SULL'ASSOCIAZIONE

 
La nostra associazione intende prevenire e combattere gli abusi di ogni genere, soprattutto quelli sui bambini e gli adolescenti, educare a un uso consapevole della rete telematica e promuovere la comunicazione tra genitori, figli e scuola, mediante la promozione di attività inerenti lo sviluppo dell'intelligenza emotiva in bambini, adolescenti e adulti. Lo scopo, dunque, è quello di poter educare sin dalla tenera età i bambini a navigare con intelligenza, consapevolezza e responsabilità per non rimanere intrappolati nei pericoli della rete telematica.


LE FIGURE PROFESSIONALI NEL NOSTRO TEAM


“La forza di SoprusiStop è nel suo team, abbiamo creduto in un progetto e lo abbiamo costrutito”
Persone che credono in quello che fanno, persone che hanno creduto in un progetto, persone che sanno quello che fanno. Persone che sanno di potercela fare, che un piccolo aiuto è un grande aiuto.
Cerchiamo di essere precisi e puntuali sulle nostre argomentazioni. Siamo fatti di persone che hanno competenze, esperienza e comprensione dell’ambito con cui operano.
 

MEMBRI AD OGGI ATTIVI


ROBERTO VITALI: presidentedell'Associazione SoprusiStop, esperto di social-media e marketing. Da anni, è impiegato nel coordinamento e nell'organizzazione di eventi, conferenze e dibattiti sul Diritti dei minori. Mooc bullismo e cyberbullismo, Università degli studi di Padova


ALESSANDRO CANELLA:  vicepresidentedell'Associazione. Consulente informatico CTU del Tribunale d Rovigo, resp. provinciale di Rovigo dell'Associazione Informatici Professionisti e Digital Champions di Occhiobello. Esperto in Privacy&Security. Impegnato in attività di volontariato volte ad aiutare l'utente a difendersi dai pericoli della rete.


MARCO MICHIELAN: maestro d'arte, impegnato in iniziative umanitarie a favore dei minori.


TANIA MASIELLO: segretario dell'Associazione. Esperta di Comunicazione e Valori Umani. Coordinamento progetti umanitari e volontariato. Redattrice e coautrice del libro: “Via le mani dai bambini”. Relatrice nelle numerose conferenze sui diritti dei minori organizzate su tutto il territorio nazionale. Mooc bullismo e cyberbullismo, Università degli studi di Padova. Corso "Gestire il Conflitto" Politecnico di Milano.


SERENA OCCHINERI: iscritta all'Albo degli Avvocati di Padova, esercita la professione nel settore civile, con particolare attenzione per il diritto di famiglia e minorile. Membro dell'AIAF, l'Associazione Italiana degli Avvocati per la famiglia e i minori.  Esperta di lavoro e disagio sociale al femminile.


NICCOLÒ GRECO: ingegnere delle Telecomunicazioni con particolari approfondimenti dei temi: Digital Signal Processing, Advanced, Electronics, Networking, Remote Sensing and Pattern Recognition. 


PIERLUIGI BETTIO: laureato in Lettere moderne. Operatore del benessere psico-fisico. Maestro Yoga e massaggiatore Shiatsu.


SIAP (SINDACATO ITALIANO APPARTENENTI POLIZIA): siamosupportati per l’area criminologica da personale specializzato del sindacato SIAP del veneto.


VALENTINA BOVOLENTA: iscritta albo avvocati prov.Rovigo, tratta diritto civile concernente i diritti della famiglia. Presta assistenza in procedimenti penali riguardanti I diritti dei bambini e delle donne.


LORENZO BANNÒ: educatore ed insegnante scuola secondaria di secondo grado.


CLAUDIO DI MURO:  pedagogista. Applicatore metodologia Feuerstein. Impegnato in servizi terapeutici riabilitativi psichiatrici.


ELISABETTA CARRARO: laureata in scienze delle comunicazioni, educatrice, pedagogista.


MASSIMO ROCCO: responsabile sistemi informatici. Formatore in ambiente informatico-tecnologico.


ROBERTO PIVANTI: tesoriere dell'associazione, coordinatore circoscrizione di Ferrara.


EDOARDO DEGLI ESPOSTI: ingegnere informatico.


CINZIA MATTIOLO: psicologa dello sport, mental coach, Orientatore e formatore, Master in psicologia dello sport CISSPAT Padova.


12.5.19