Serravalle e dintorni...


BERRA, GRANDI SUCCESSI PER IL TIRO CON L'ARCO SEZIONE COMPOUND AL GRAN PRIX DI BUCAREST
- GRANDE SODDISFAZIONE DELL'ALLENATORE, IL BERRESE FLAVIO VALLESELLA -

 


LA SQUADRA ITALIANA - VALESELLA IL PRIMO IN BASSO A SINISTRA

MARCELLA TONIOLI DURANTE LA GARA A BUCAREST
Berra. È raggiante il berrese Flavio Valesella, l'allenatore nazionale delle squadre maschili e femminili di tiro con l'arco sezione Compound, al ritorno dall'European Grand Prix di Bucarest, in Romania, dove l'Italia ha conquistando 2 ori, 2 argenti e 2 bronzi, oltre ad aver ottenuto la qualificazione nel compound femminile per i Giochi Europei di Minsk, grazie al terzo posto nella gara di qualificazione della ferrarese Marcella Tonioli.

Una trasferta molto fruttuosa quella della ferrarese, che da anni svetta a livello mondiale e non ha intenzione di abdicare. Ha iniziato ottenendo il pass per l'Italia per i Giochi Europei in Bielorussia, con il bronzo a squadre insieme a Irene Franchini e Sara Ret battendo nella finalina 232-229 la Russia (Avdeeva, Balzhanova, Tontoeva) e poi ha vinto anche l'argento nel mixed team compound insieme a Valerio Della Stua: sconfitti in finale dalla coppia britannica Annison-Taylor per 150-141.

Nel compound individuale Marcella Tonioli ha dovuto "accontentarsi" della medaglia d'argento: è stata superata in finale dalla croata Amanda Mlinaric che ha saputo sfruttare l'errore dell'azzurra nella seconda volée, un 7 che ha permesso all'avversario di portarsi a +3 e di mantenere e incrementare il vantaggio nelle ultime due frazioni di gioco.

"La ciliegina sulla torta è sicuramente la qualifica per i giochi europei di Minsk, nel settore femminile Compound, che ci permetterà di portare in Bielorussia entrambe le squadre: così si potrà gareggiare anche nel mix team - é questo il commento dell'allenatore Valesella, incontrato nella sua abitazione a Berra - Oltre la soddisfazione per chi è andato a podio, devo riconoscere il grande impegno di tutti i partecipanti al GP del mio settore, sia i nuovi innesti che “le veterane”, e questo mi fa ben sperare per il futuro.

Un grazie particolare a Fabio Cinquini per l’assistenza e per aver fatto si che tutto filasse liscio, nonostante freddo e pioggia. Ora la cosa che desidero di più è ritemprare corpo e mente perché tra 6 giorni si riparte per Medellin".

(d.m.b.)


14.4.19