Serravalle e dintorni...


BERRA, L'EMERGENZA RIFIUTI NON FINISCE MAI...

 


 
Berra. L'emergenza rifiuti una cosa seria. Quella del Comune di Riva del Po, dell'abbandono selvaggio, sta assumendo dimensioni esagerate. L'attrazione principale quella di via Bosco a Berra, sulla quale sono in corso diverse iniziative, legate a tutte quelle discariche che si trovano sul territorio.

Dietro a tutto questo per c' qualcosa che non va. Innanzi tutto assodato che una parte dei rifiuti di via Bosco sono autoctoni: alcuni cittadini che, approfittando della situazione, scaricano anche loro in quel posto. Come autoctone sono le discariche di via Coronelle a Cologna, del Viarulon a Cologna, di Ponte Giglioli a Serravalle.

In questi ultimi giorni sui social compaiono dei post "ironici" ma pungenti. Presi di mira gli operatori. La piccola discarica di via 2 Febbraio a Berra stata bonificata, come spesso avviene. Nell'ultimo intervento per l'operatore ha dimenticato di raccogliere un sacchetto: ed ecco subito rimbeccato.

Durante lo sfalcio dell'erba nello spazio adiacente la palestra di Berra l'operatore ha tritato anche i sacchetti di immondizia lasciati sul posto da incivili. Operatore rimbeccato con un dialetto berrese di ottimo pregio. "Sfalcio erba a Berra. Gat paura cat cala la panza a saltar z dal machinin e tor su al sachet col paciug??. (TRADUZIONE: hai paura che ti cali la pancia se salti gi dalla macchina operatrice a prendere su il sacchetto con il paciugo??).

Come dicono in molti:"Se vogliamo risolvere il problema dei rifiuti abbandonati inquinanti dobbiamo fare qualcosa anche noi, tutti, con gesti importanti e civili".

(Mr.T.)


5.4.19