Serravalle e dintorni...


- Elezioni a Riva del Po -
SERRAVALLE, "INSIEME PER RIVA DEL PO" ILLUSTRA I PROPRI PROPOSITI IN CASO DI VITTORIA NELLE PROSSIME ELEZIONI
- GIOVEDI' 4 APRILE 2019 -

 


 

 

 

Serravalle. (dagli inviati crisera e luccico) Ha fatto tappa al centro civico di Serravalle la lista del candidato sindaco Andrea Zamboni "Insieme per Riva del Po", incontrando i cittadini della zona più ad oriente del territorio comunale.

Pochi gli intervenuti, complice il meteo avverso, ma attenti e presenti con molti interventi. Ripercorrendo la falsariga degli incontri precedenti Zamboni ha presentato i candidati: Marco Pozzati, Anna Cinzia Trapella, Raffaella Nalli, Gian Paolo Barigozzi, Filippo Barbieri, Alberto Bobo Astolfi, Silvia Brandalesi, Doriana Franciosi, Paolo Manzoli, Cinzia Bergami, Elena Catozzi e l'assente giustificata Federica Biondi.

Andrea Zamboni, classe 1957, nato a Ferrara e residente ad Alberone di Riva del Po, sarà il candidato sindaco di questa lista, che definisce "fatta di gente per la gente". Eletto più volte Consigliere Comunale a Ro Ferrarese con l'incarico di Assessore alla Sanità e Servizi Sociali Zamboni ha poi sottolinea la composizione di una "lista civica" anche se non nega la sua provenienza.

"La mia provenienza politica è ben marcata e risaputa - ha sottolineato - ma abbiamo cercato di fare un gruppo il più possibile civico, inserendo candidati che rappresentino tutto il mondo che ci circonda: del volontariato, del sociale, dell'imprenditoria".

Poi Zamboni ha spiegato il programma. Una lista di interventi "che si potranno fare grazie a questa fusione".

Molti i settori toccati, con approfondimenti, ma sicuramente quello importante riguarda l'occupazione, il lavoro, il tutto legato alla famiglia con il mantenimento e la creazione di servizi adeguati, in primis le scuole.

Poi i "soliti" progetti iniziati dalle precedenti amministrazioni da portare a termine. Problema rifiuti, sicurezza, illuminazione ed altro ancora. Interventi a tutto campo che aspettano a chi dovrà governare Riva del Po.

Poi gli interventi dei presenti. Il dottor Roberto Ariutti, medico di famiglia di Berra, ha chiesto se "si possa utilizzare lo stabile dell'ex biblioteca di Berra come casa del volontariato e cosa decideranno di fare con il teatro pubblico, sempre di Berra (da circa 2 anni inagibile)".

Risposta affidata all'ex vicesindaco di Berra Filippo Barbieri "L’idea di utilizzarlo come sede di associazioni c’era già in passato, poi problemi di spesa con la caldaia da cambiare ha impedito di proseguire, ma ora ci sono le risorse. Per quanto riguarda il teatro, c’è un problema di balaustra del loggione (troppo bassa) e dell'insonorizzazione. Ma ora ci sono le risorse e quindi i problemi si possono risolvere".

Luca Finessi ha chiesto i programmi futuri sul ristorante La Porta del Delta, di proprietà del comune, chiuso da febbraio per cessata attività del gestore. Ancora Barbieri alla risposta. "Entro fine estate ci sarà il bando, sistemeremo gli impianti e le cose che richiedono di essere “aggiornate” per essere a norma e, se tutto procede come deve, entro fine autunno assegneremo il locale. Tra l’altro diverse persone con interessanti curriculum si sono già presentati". Una risposta che fa presagire già l'avvenuta vittoria da parte della sua lista.

Loris Fazzi: "Se possibile, cercate di sistemare il piazzale ex traghetto, che è in uno stato di degrado pietoso: nessuna fontanella, illuminazione carente, scivolo e pontile da pulire".

 Barbieri  Filippo ha preso nota della richiesta. Il continuo riferimento ai contributi ha scaturito la domanda di Cristiana Serafini"I contributi previsti quando e come arriveranno?".  "I contributi sono già disponibili - ha risposto Zamboni - e non hanno vincoli. Chi vincerà le amministrative può già disporne".


5.4.19