Serravalle e dintorni...

COLOGNA, LA COMUNITA' SALUTA CALOROSAMENTE IL SUO PARROCO
DON RINO LOTTO SE NE VA

- DOMENICA 25 DICEMBRE 2018 -
 


 

 

 

 
Cologna. Un caloroso saluto da parte di tutta la comunità è stato riservato al parroco di Cologna don Rino Lotto che domenica 25 novembre, durante la celebrazione della Santa Messa, ha salutato tutti per ritirarsi dalla vita attiva parrocchiale.

Chiesa di Santa Margherita gremita come non mai per salutare colui che ha dedicato una vita intera alla Fede Cristiana ma che si può sintetizzare in poche righe, perché don Rino, 49 dei suoi quasi 60 anni da pastore (nominato parroco il 25 luglio 1959), li ha trascorsi a Cologna, dove ha speso molto per la sua comunità.

Presenti al saluto il Vicario generale mons. Massimo Manservigi, il vicario forense don Giovanni Pisapia, il parroco di Coccanile (ex Berra) don Leonardo Bacelle, il sindaco di Berra Eric Zaghini, autorità civili e militari nonché le sorelle con i nipoti e tantissimi parrocchiani.

Don Rino è l'ultimo dei sacerdoti rimasti da quando c'era la diocesi di Ravenna nella pentapoli (Serravalle - Berra - Cologna - Coccanile - Ambrogio), prima che queste parrocchie passassero sotto la giurisdizione di Ferrara, nel maggio 1966. E' stato vicario parrocchiale a S. Agata in Ravenna dal 1959 al 1964 e nel frattempo insegnante nel Seminario; successivamente divenne vicario parrocchiale a Cologna, dal 1964 al 1966, con l'arciprete don Luigi Rambaldi, e a Jolanda di Savoia dal 1966 al 1967.

Divenne poi parroco a Viconovo, nominato dal Vescovo Mosconi, e vi rimase sino al 1972. Il primo dicembre del 1972 viene trasferito come arciprete a Cologna, dove ha risieduto sino allo scorso agosto.

A seguito di un incidente domestico e dopo un percorso di parziale recupero è stato ricoverato presso la struttura protetta “Betlem” a Ferrara. Il 31 ottobre ha rassegnato all’Arcivescovo le sue dimissioni da arciprete di Cologna dopo una presenza tra questa gente per quasi mezzo secolo.

Don Rino ha salutato tutti e ringraziato per la cordialità ed il saluto a lui riservati ed ha dato appuntamento a tutti per il prossimo anno, quando festeggerà i 60 anni di sacerdozio.

(d.m.b.)


27.11.18