Serravalle e dintorni...REFE

BERRA, GRANDE SUCCESSO PER LA NAZIONALE DI TIRO CON L'ARCO COMPOUND A LEGNICA (POLONIA)
- INTERVISTA A FLAVIO VALLESELLA TECNICO DELLA NAZIONALE -
 


 

 

 

 
Berra. Non si fermano le soddisfazioni per il Tecnico della Nazionale di Tiro con l'arco sezione compound Flavio Valesella, appena tornato dai campionati europei di Legnica (Polonia).

"Prima della partenza speravo di arrivare almeno ad una finale delle cinque a disposizione - spiega raggiante il tecnico - ne abbiamo raggiunte tre. Due per l’oro (squadra femminile con la Ferrarese di Lagosanto Tonioli, Franchini e Anastasio e singolo maschile con Pagni) e una per il bronzo (singolo maschile con Pagnoni). Purtroppo nelle due finali per l’oro non siamo riusciti a salire sul gradino più alto, fermandoci all’argento. Mentre per il bronzo Federico Pagnoni, ha fatto una finale perfetta aggiudicandosi un bronzo che, per come ha gareggiato in tutto il campionato, gli sta ’”stretto”.

Poi il tecnico si incupisce: "Devo comunque ammettere che un po’ di amaro in bocca ci è rimasto nel “toglierci” dal collo una medaglia d’oro che sembrava già vinta contro la forte Turchia: purtroppo un errore di una delle ragazze ci ha penalizzato oltremodo, perdendo alle frecce di spareggio. Sono episodi che per fortuna a noi succedono raramente, ed è forse per questo che quando capitano ci lasciano basiti. Il mio potrà sembrare un discorso da vero tifoso, ma onestamente quando sei in finale per l’oro, il nostro sognarlo ci porta un po’ ad essere egoisti e poco “Sportivi”.

E’chiaro che la nostra tiratrice non deve sentirsi sotto processo, dal momento che sono certo che Lei è la prima a rammaricarsi per il suo errore. Questo però dovrà indicare, a Lei e a tutti i tiratori/tiratrici che tendono ad incorrere in errori del genere, la strada giusta da percorrerla in allenamento per ovviare a tutto questo".

Il resoconto del Tecnico è comunque positivo e soddisfacente. "Tutto sommato due medaglie d’argento, una di bronzo, un record europeo, conquistato dalle ragazze in qualifica, ed un record Italiano, sempre conquistato dalle ragazze negli scontri a squadre contro la Spagna, sono, come si dice in chiave sportiva."tanta roba". Questi campionati avevano doppio valore dal momento che ci si giocava la conquista del posto ai giochi europei di Minsk (Bielorussia) che si terranno a fine giugno prossimo.

Per gli uomini il risultato è stato raggiunto, mentre per il femminile bisognerà puntare tutto sul Gran Prix di aprile a Bucarest. “Questa è una trasferta da affrontare con il giusto piglio – commenta Valesella - magari allargando il numero delle nostre tiratrici a 6 elementi al posto delle solite 3”.

Ora, per il tecnico, un po’ di riposo fino a fine anno. “A gennaio – conclude il tecnico - si riprende per le verifiche dei possibili nuovi arrivi in nazionale maggiore, per prepararci nel migliore dei modi per i campionati europei indoor di Samsun (Turchia)”.

(d.m.b.)


8.9.18