Serravalle e dintorni...REFE


TIRO CON L'ARCO COMPOUND: L'ITALIA VINCE QUASI TUTTO - INTERVISTA CON FLAVIO VALLESELLA RESPONSABILE NAZIONALE
 


Mior a destra durante la finale

Mior ha vinto

Mior a sinistra

Vallesella e Mior

La squadra femminile terza classificata

La squadra maschile sul gradino più alto

Berra. Non si fermano le soddisfazioni del nostro concittadino Berrese Flavio Valesella che alla guida della Nazionale Italiana di Tiro con l’arco Compound ha conquistato due ori ed un bronzo.

Lo abbiamo incontrato nella su casa di ritorno da Sofia, dove si è appena svolta la tappa di Gran Prix Europeo.

“Sapevo di poter contare su elementi molto motivati e preparati – è il suo primo commento, raggiante più che mai - ma non potevo immaginare che due innesti cosi giovani, Elisa Roner di 17 anni e Alex Boggiato di 19, arrivassero a battersi come dei leoni, con gente che gira il mondo da anni. Per entrambe era alla prima convocazione nella nazionale maggiore.

Posso affermare tranquillamente che sono molto soddisfatto perché sono andati ben oltre le mie aspettative. Non capita spesso – prosegue il tecnico - soprattutto in competizioni di tale levatura, che i componenti della trasferta tornino tutti con una medaglia al collo. I risultati raggiunti sono frutto di tre finali perfette”.

Poi Valesella entra nei particolari: ”Una nota di merito devo farla per la prestazioni delle due squadre, femminile e maschile, senza dimenticare l’ottima prova nel singolo maschile di Viviano Mior”. Mior ha vinto nelle ultime tre frecce, “obbligando“ il suo avversario ad un impresa difficile, con tre centri perfetti per raggiungere lo spareggio. All’avversario l’impresa non è riuscita e cosi Viviano ha vinto di un punto.

Valesella si è poi soffermato sulla prestazione delle due squadre. “La squadra femminile, composta da G.Cavalleri/Sara Ret/E.Roner, ha conquistato il bronzo con il nuovo record italiano (231 punti su 240). La squadra maschile, composta da V.Mior/A.Boggiato/A.Lodetti, ha vinto l’oro battendo in finale la fortissima squadra della Turchia. Questa, a mio parere, è stata la finale perfetta, visto che i Turchi erano schierati sulla linea di tiro con la loro migliore formazione, collaudata da più di due anni in gare internazionali. Vedere la reazione dei nostri, nonostante l’errore iniziale, è stato veramente appassionante fino all’ultima freccia scoccata”.

“Ora dobbiamo essere “bravi”a mettere subito in archivio il tutto – conclude Flavio Valesella – giù a testa bassa per il prossimo impegno dei campionati Europei OPEN, di fine agosto, dove a Legnica (Polonia) ci misureremo con i migliori tiratori: gara dove verranno assegnati i posti per i prossimi Giochi Olimpici europei che si svolgeranno a Minsk (Bielorussia)”.

(d.m.b.)


Berra. Sofia in Bulgaria, Europei Grand Prix Tiro con l’arco sezione Compound. Medaglia di bronzo a squadre femminile con Sara Ret, Giulia Cavalleri ed Elisa Roner.

Le azzurre dopo il successo 225-221 sulla Romania (Angelescu, Cristescu, Danilet) si arrendono in semifinale all’Estonia (Hoim, Jaatma, Paas) 228-223. la riscossa arriva nella finale per il bronzo in cui l’Italia batte l’Ucraina (Hrabik, Savchenko, Shkliar) 231-221.

Perfetto invece l’atleta del Kosmos Rovereto Viviano Mior che batte tutti gli avversari e conquista l’oro: 145-143 il successo su Denis Segin (RUS), emozionante doppio shoot off vincente 147-147 (X-X e X-8) agli ottavi con l’estone Artur Ass, 148-145 sul turco Demir Elmaagacli e 149-144 in semifinale sull’estone Robin Jaatma

L’arciere azzurro vince la finale 141-139 in rimonta visto che il greco Athanasios Kostopoulos parte meglio e vince sia la prima volée 29-28 che la seconda 28-27.

Mior però rimette tutto in parità nel terzo set (29-27) prima di tornare sotto nella quarta frazione (28-27). La riscossa dell’azzurro arriva nelle ultime tre frecce (30-27) con cui Mior vince la finale per l’oro.

Ma la sorpresa più grande arriva dal trio maschile Alex Boggiatto, Alessandro Lodetti e Viviano Mior che vincono l’oro a squadre battendo in finale la Turchia (Cagiran, Elmaagacli, Yakali) 226-225.

Azzurri avanti nella prima volée 58-57, poi il passaggio a vuoto con la sconfitta nella seconda tornata di frecce 58-54 che viene subito ribaltata dal successo 57-53 nel set successivo.

A questo punto l’Italia è in vantaggio di un punto e il terzetto azzurro resta davanti grazie al pareggio 57-57 dell’ultima volée.

(d.m.b.)


16.8.18